e settembre eccolo qui

Piccoli passi.

Settembre è figlio dell'entusiasmo delle piccole cose.

E' il frutto celebrale della frenesia delle lunghe giornate estive,
con le implicazioni che hanno le serate sotto le stelle, con una Radler in mano e un panino alla salsiccia che aumenta i sensi di colpa nella pancia;
con gli amici che ti affollano la chat di WhatsApp, di appuntamenti improvvisati e risate sguaiate, di gite in montagna e bagni in piscina, con i costumi da bagno che se ne fregano delle insicurezze, e l'abbronzatura che ti fa sentire più bella più in fretta.

Settembre mi piace.
E' il gennaio che rende le cose semplici.
Sulla carta sono la fan numero uno di inizio e cambiamento,
poi me la faccio sotto in concomitanza di ambedue...

...ma questi son dettagli!

Riflettevo sul fatto che è il primo settembre della mia vita,
che non inizia con me occupata.

Strano.
Anzi no,
surreale.
Surreale ma bello.

Ho sempre dovuto fare:
fare i compiti, che lasciavo indietro tra giugno ed agosto;
fare i conti con l'apertura della palestra...
Fare - fare - fare...

E invece, iniziare senza dover fare niente di preciso, beh, ecco boh, è la novità.

Non sto a recensire le mie giornate,
elencare una serie di cose fatte e da fare che non so quanto interesse possano suscitare,
però sono palesemente indaffarata a tornare impegnata,
ed è una missione particolarmente soddisfacente.

Mi piace quello che sto facendo,
e mi piace come lo sto facendo,
non voglio star seduta sugli allori compiaciuta punto e basta,
anzi sono determinatissima per cambiare le cose,
ma il colore di questa determinazione, il suo sapore e la sua sostanza,
mi sta travolgendo al centouno per cento!

E ci sono le foglie, che ingialliranno, poi, una volta secche, si staccheranno dai rami, rendendo i viali, lunghe passerelle scricchiolanti...

E c'è l'aria frizzantina, che riempie le nuvole di pioggia, dietro le quali si nasconde una scorza di sole pallidamente rigenerante.

Tutto intorno, il mondo si prepara a morire, coperto dalla scusa di una stagione che chiama al letargo, che invita al sonno, alle coccole, e alle tazze di tea fumante sul tavolino in parte al letto, e che ha in se tutta la resurrezione della quale ha bisogno; ed io passeggio per le vie della mia città, per nulla depressa, nonostante la solitudine, per qualcosa che non mi riesce di far coincidere con il concetto di "mio", e penso all'evoluzione che potrei vantare da qui a qualche mese, e sto bene.

Credo bene davvero, nonostante tutto.

Commenti

  1. Risposte
    1. è sempre bello sapere che vi piace quello che scrivo SARA, veramente

      Elimina
  2. Mi piace il tuo Settembre!
    Goditelo e gustatelo tutto con il "Tuo non da fare" che sappilo un po' lo invidio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma sai MANU che non fare è più faticoso che fare? proprio mi manca lavorare

      Elimina
  3. Cara Patalice, ai creato il tuo settembre con i suoi alti e bassi!!!
    Ciao e buona giornata con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è così TOMASO, ho già prospettato la panoramica migliore per viverlo a pieno!

      Elimina
  4. Ora che finalmente è arrivato il tuo momento non fermarti più ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non lo so PIETRO se è il mio momento, so che è giunta l'ora di passare dalle parole ai fatti, sicuramente

      Elimina
  5. Potranno sembrarti banali le mie parole, anzi parole, ma ti comprendo e voglio augurarti un nuovo inizio, pieno della tua vitale energia... Forza!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non sono banali per niente SANTA, e mi fa molto bene leggerle

      Elimina
  6. Beh, sì, anche per me settembre è questo: ancora un po' estate, ma sempre autunno. Giornate da vivere, giornate di restart. In fondo, siamo sempre studenti e a settembre ricomincia la scuola.

    Moz-

    RispondiElimina
  7. Post perfettamente autunnale.
    E anche questa estate... se la semo levata dalle palle! :)

    RispondiElimina
  8. Che bello questo post che profuma d'autunno!!
    Buon settembre!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. caldarroste e profumo di cose buone PIER, ce lo siamo meritati

      Elimina
  9. Anch'io confido in settembre, nonostante tutto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. settembre è risposta PIPPA, anche se la domanda ancora non ho capito quale sia

      Elimina
  10. un buon settembre allora.
    io aspetto il primo freddo che sta per arrivare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. beh ANDREA le temperature si sono già parecchio abbassate, diciamocelo

      Elimina
  11. Anche a me settembre è sempre piaciuto. Penso ti spinga di più al cambiamento e ai buoni propositi rispetto a gennaio.

    Oh, ma quanto è bello leggerti così?!? :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche io preferisco di gran lunga settembre a gennaio, anche se è un mese che mette a dura prova, inutile fingere il contrario CRISTINA

      Elimina
  12. Mi piace molto questa tua determinazione, questa tua forza, questo tuo trovare la bellezza e la forza in tutto ciò che fai, che hai e che ammiri.
    Io ero e dico ero così..ora sono spenta e tutto mi scivola liscio con dolore perchè lo spirito va avanti ma il corpo lo frena. Questa maledetta salute che mi abbandona a poco a poco è terribile e tutto cambia e si dissolve.
    Ti voglio bene!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. CROSIGLIA tesoro, vorrei tanto darti parole di conforto che non siano solo ritrite parole dalla banalità splattellante... quindi non ti mando altro che un abbraccio forte, e sostenitore, per quanto possibile!

      Elimina
  13. no, perdonami, ma che culo ha quella della foto !!!!!!

    RispondiElimina
  14. Devo dire che mi piace molto il tuo modo di scrivere, è una vera prosa, sei capace di cogliere in poche parole l'intero universo di un momento. Io adoro l'autunno, amo le tazze calde di caffèlatte, il tè caldo fumante, poter indossare un golfino e coccolarmi nel suo tessuto morbido.
    Ti auguro una splendida giornata.
    Cari saluti,
    Flo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. splendide giornate purtroppo FLO ce ne sono state troppo poche ultimamente, ma non importa, dopotutto bisogna accettare anche che i periodi no colgano impreparati, spaventati e che facciano passare un po' la voglia...

      Elimina

Posta un commento

Sappiate che vi leggerò.
Non sarò sempre d'accordo con voi, battibeccheremo come galline in un pollaio!
...ah, non chiedetemi di seguirvi, non lo faccio se non mi convincete davvero, sono una FOTTUTISSIMA SNOB!

Post popolari in questo blog

è stato un buon natale

perché io ho la fortuna di avere me

a mai più rivederci (sensazioni ed emozioni del) 2017