la paura che ho di un naso rosso

Avrò avuto al massimo dieci anni.
Però forse meno.

La SuperMamma era venuta a prendere me e Jn in piscina,
ed io avevo la febbre alta.

Imbacuccata in una coperta fatta a mano dalla SuperNonna,
con le guance in fiamme ed una pezzuola fresca sulla fronte,
mi avevano stanziata sul divano di fronte alla tivù,
dicendomi che dovevo dormire.

Io però non ci riuscivo;
gli occhi lucidi,
la mente appannata,
i brividi alternati alle botte di calore.

Jn va a dormire,
o forse sta sul divano anche lei,
a far finta di essere ammalata pure lei,
o a far compagnia a me,
però dorme,
non dormicchia,
non è dormiveglia agitato il suo.

Il mio si.
Ed è sudato.
Ed ha le ghiandole infiammate,
la gola stretta,
la temperatura alta.

Troppo.

La SuperMamma è giovane.
Bellissima.
Bionda con gli occhi azzurri ed il sorriso innocente.
La SuperMamma è una principessa,
ed è leggera e ride tanto.

Però non è attenta.
E' una mamma bravissima su tante cose,
ma su tante altre è troppo poco attenta.

Ancora oggi,
lei sa che non lo era.

Lei era una mamma da figlie grandi,
e quando ne ha avute due,
le ha allevate piccine tenere e buffe,
ed ha fatto un lavoro ottimo,
ma le guardava già come grandi, complici ed amiche.

E così poi era stato.

Solo che con quelle piccole alle volte,
era stata poco attenta.

E quella sera là,
ha fatto un casino.

Io sul divano sembravo dormire,
ma non dormivo,
ero in quel dormiveglia là,
quello sudato frustrato e tormentato a tratti.

In tivù,
su Canale5,
in prima visione,
davano un film tratto da un libro horror,
che per protagonista aveva un clown.

IT

Un pagliaccio che chiede
"Lo vuoi un palloncino?"

Un assassinio che non mi ricordo come accadde,
un lavandino dal quale fuoriesce sangue,
un tombino che fa da scenario alla tragedia,
un gruppo di giovani adulti che sono stati traumatizzati dall'orrore.

Io la storia non la ricordo minimamente.

Ma da quel momento in poi mi è rimasta paura.
Una paura fottuta,
che si rinnova ogni qual volta vedo un naso rosso per strada.

Non è una posa,
non è una posa per niente proprio.

Io ho paura.
Ho paurisssssima,
perché di quei clown non ci si può fidare.

Commenti

  1. Cara Patalice, spesso,i ricordi del passato quando eravamo piccoli ci portano dei momenti non sempre graditi, e pensare che pensavano di fare bene!!!
    Ciao e buon inizio della settimana con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
  2. IT ha traumatizzato parecchia gente.. Pure io l'ho visto da bambina in prima serata sul divano.. dai, tutte insieme "grazie mamma eh!!!"

    RispondiElimina
  3. Gran bel spaccato di vita, Pata.
    No, dei clown non ci si può fidare, soprattutto al buio.

    RispondiElimina
  4. E fai bene ad averne di paura, ma anche se ha traumatizzato anche me, ringrazio di averlo visto, altrimenti non avrei conosciuto un genere che amo ;)

    RispondiElimina
  5. Anch'io l'ho visto da bambina sul divano e l'ho adorato!!! Mia mamma mi lasciava guardare di tutto (era giovane e poco attenta su queste cose pure lei) ma ha (abbiamo) avuto la fortuna che io non ho mai avuto paura dei film horror. (Ehm, poi andavo a scuola "Avete visto IT?" e tutti "Eh?" per fortuna nessuno ha chiamato i servizi sociali... :D)

    RispondiElimina
  6. Le scene del lavandino e del tombino sono quelle che restano impresse a tutti i bimbi.


    Io It l'ho visto a 9 o 10 anni ma stranamente non ho nè ho mai avuto paura dei clown.
    Ma dopo aver visto quella roba, per un pò ho avuto paura di tutto.
    E' stato fottutamente traumatizzante.

    RispondiElimina
  7. Di fatto, hai raccontato la stessa mia storia visuta però con BOB di Twin Peaks.
    In fondo, Pennywise e BOB non sono i due più grandi villain della tv?
    Horror.

    Moz-

    RispondiElimina
  8. Anche la mia SuperMamma mi faceva vedere film e serie che non avrei dovuto guardare.
    Tra cui anche It.
    Da allora - non a caso - mi è un po' venuta la fobia dei clown.
    Più di recente, complici le parodie di Ronald McDonald, mi è passata.
    Almeno fino all'arrivo del nuovo film... :)

    RispondiElimina
  9. IT non l'ho mai visto ma i clown mi danno fastidio lo stesso. Non li trovo simpatici in alcun modo, sono solo inquietanti.
    Baci Pata :)

    RispondiElimina
  10. caspita se ti ha traumatizzata!!!!!!
    Eppure ci sono tanti clown buoni... a me stanno antipatici quando, al circo, ti fanno scherzi idioti....
    Eppure ci sono tanti clown buoni... come quelli che fanno sorridere i bimbi malati in ospedale...

    RispondiElimina
  11. Io adoro Stephen King e ho tanto adorato It, sia il film che il libro. Certo che in una bambina di 9 nove anni, possono creare un vera trauma ... concordo.

    RispondiElimina
  12. IT, all'epoca, aveva traumatizzato anche me.
    Io vinto la paura a 10 anni quando mio babbo mi ha messo in mano il libro e me ne sono innamorata. Da quel momento lo leggo quasi una volta l'anno ed è stata la mia più grande fonte di crescita.

    RispondiElimina
  13. La paura per i clown è molto comune; magari l'avresti avuta anche senza film xD Io anche guardavo film sconsiderati quando ero piccola però non ho sviluppato paure particolari.
    Se ti consola un mio amico l'altra volta mi ha fatto ridere dicendomi che lui il film non lo ha mai visto, ma la paura gli è venuta lo stesso perché la sua mamma gli diceva che, se avesse fatto il monello, sarebbe arrivato un clown a punirlo/portarlo via. Quindi almeno tu sei stata traumatizzata in buona fede xD

    RispondiElimina
  14. Ciao sai da quando ho visto IT ho avuto paura dei pagliacci. Mi impressionano tantissimo però il film IT mi piace. Voglio anche leggere il libro, iniziato ma mai finito di leggere.

    RispondiElimina

Posta un commento

Sappiate che vi leggerò.
Non sarò sempre d'accordo con voi, battibeccheremo come galline in un pollaio!
...ah, non chiedetemi di seguirvi, non lo faccio se non mi convincete davvero, sono una FOTTUTISSIMA SNOB!

Post popolari in questo blog

è stato un buon natale

a mai più rivederci (sensazioni ed emozioni del) 2017

perché io ho la fortuna di avere me