amico...

Avevi deciso che saresti diventato mio amico.

Deciso.

...che uno dopo il ventiseiesimo pacco dovrebbe averla capita,
che una si domanda ancora adesso se l'amicizia la puoi decidere... 

Ma tu avevi deciso, 
e come mi sarebbe capitato di intuire svariate volte durante il decennio successivo, 
tu hai la testa molto molto dura.

E siamo diventati amici.

Inseparabili.
Sempre insieme.
Quello che fa tito fa tato.
Per i più, difficilissimo capire questo rapporto simbiotico, 
che era il mio sine qua non
e che mi vantavo di proteggere con le unghie e con i denti.

Tu c'eri 
Io c'ero
Noi lo si sapeva 
Gli altri?
Beh gli altri ci gravitavano intorno, ma la terra eravamo noi.

Quello che capiva i miei niente 
Quello che sviscerava ogni situazione
Quello che cercava di salvarmi da me stessa
Quello che eri tu...

Io ho sempre detto che, 
quello là, il nostro Amico, 
è la mia anima gemella, 
perché siamo uguali, testardi nell'auto distruzione, maniacali, 
con i ritmi abitudinari e serrati, di una fedeltà muta assoluta;
 ma ci servivi tu, il mio migliore amico, non lo specchio di me, ma il confronto.

Tu, quello che mentre avevo le paranoie da grasso, 
mi butta via il ghiacciolo che sto mangiando 
per farmi uscire con 
(quellocheavrebbedovutoessere) 
l'uomo della mia vita e farmelo mangiare con lui il ghiacciolo... 

Tu, quello che nei miei niente, 
leggeva la mappa per i viaggi mentali che mi fanno perdere nel nulla...

Tu, quello che c'è nella registrazione di un concerto all'Arena di Verona, 
nelle primissime file, e balla sul mondo con me...

Tu.
...che il Liga faccio fatica ad ascoltarlo...
...che il 24agosto ero appesa...
...che alla mostra di Harry Potter mi chiedevo se a te sarebbe piaciuta...
...che ogni tanto mi appare la tua nuova vita e mi sembri un po' appannato, ma comunque tu...
...che ti ho aperto la porta, ma la luce non l'hai accesa, ed è rimasto il buio a far presenza... 
...che ho scoperto una Alice l'avrei sempre ed ho sorriso e mi ha fatta incazzare..  

E niente...
Dicono quando finisce l'amore faccia male... 
vero verissimo... ma quando finisce un'amicizia fa male di più.

Perché sai l'amore ha pochi elementi da complicare, 
talmente pochi che se incasini quelli, per forza la torre si smonta!
Ci sono il sesso, l'abitudine, i disguidi economici, il fastidio... 
che sono signori problemi, ma lo sai... lo metti in conto.
Devi. 

Nell'amicizia sul banco c'è di più...
C'è quella fiducia che tu riponi senza voler niente in cambio;
c'è la possibilità di essere stupidi insieme senza preoccuparsi del giorno dopo; 
non c'è strategia che ti faccia stare con i messaggi abbozzati; 
non ci sono filtri da usare per aumentare un potenziale.

L'amicizia è.
Semplicemente.

E quando finisce dilania.
Spacca dentro.

E se finisce quando tu sei già rotta, 
è più difficile uscirne... 

Ho persone preziose intorno.
Le amo.
Alcune sono le MIE persone e da me non c'è scampo,
perché se prima le preservavo 1000 ora il numero è incalcolabile.

Ma dannata io sia se la loro presenza ripaga il peso della tua mancanza.

Cinica E arida.
Le due peggiori parole usabili per descrivere una persona, sono me.
E non posso fare a meno di pensare che al 60% la colpa sia tua, 
se ora queste parole mi descrivono.

Non ti accuso.
Io ho il mio bagaglio di... 
complicanza e complicatezza 
da portarmi appresso,
e che è sempre più un bagaglio 
che somiglia ad una comoda maschera.

E niente...
Tu hai deciso quel giorno di vedere "Batman" e non ti sei fermato... 
e più di 10 anni dopo non hai fermato me.

Commenti

  1. Mi dispiace.
    Ho perso anche io delle amicizie, una delle quali pensavo davvero sarebbe durata per sempre. E invece...invece no.
    E il brutto è che mancava solo a me. Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io non so se lui manchi solamente a me, ma so che a me ha deluso tanto, ma veramente tanto DAMABIANCA, e non so se mai cambierà tutto questo

      Elimina
  2. Dev'essere stata dura, so bene quanto è importante l'amicizia e cosa significa.
    Però, post molto bello e sentito.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si so che anche tu hai forte il valore dell'amicizia MOZZINO...
      grazie per i complimenti al post

      Elimina
  3. Pata non è che fosse innamorato di te?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non lo era SARA ma anche qualora lo fosse stato non penso possa essere anche solo lontanamente accettabile la cose...

      Elimina
  4. Se io perdessi un amico del genere sarei certamente triste e sconsolato come te, anche perché chi trova un amico trova un tesoro, quindi capisco...peccato

    RispondiElimina
    Risposte
    1. più sconsolata PIETRO ormai che altro... il dolore francamente non è più così acuto, o forse mi ci sono abituata al punto da sentirmi svuotata...

      Elimina
  5. Capisco come ti senti, è devastante.
    Penso che l'amicizia sia stupenda, ma è una cosa fragilissima, anche se mentre la vivi ti sembra il legame più forte del mondo. Perché con un amico si può essere se stessi, e questa è un'arma a doppio taglio, perchè a volte si danno per scontate troppe cose. Si sbaglia, da una parte e dall'altra, è umano. Ma perdersi è la cosa più brutta del mondo.
    Mi dispiace tanto Pata ♥

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è vero CICCOLA, verissimo, ma quando una persona che mi ha voluto bene sceglie di perdermi, e di non rivolermi non so cosa si possa dire... non so cosa si possa pensare anche solamente di fare

      Elimina
  6. È proprio vero. In amore certe cose le metto in conto, in amicizia dai tutto te stesso e basta, senza compromessi... a distanza di anni ancora mi intristisco a pensare ad amici importanti tagliati fuori dalla mia vita. Alla fine è un percorso, bisogna ricordare sempre ciò che di bello ci è rimasto, perché è per quello che ne vale la pena! ❤️

    RispondiElimina
  7. Un post molto intimo e forte. È vero che in amicizia c'è molto di più che in amore e che fa quasi più male. Non so i dettagli ma ho letto che ci sono circostanze per te inaccettabili, quindi posso solo mandarti un abbraccio!

    RispondiElimina
  8. Fa troppo male, non c'è altro modo per dirlo. Ti senti come se ti si fosse rotto qualcosa dentro. Sei tu, ma non sei più davvero tu. Ci sono persone che ci resteranno per sempre dentro e ci sono dolori difficili da accettare e superare. Sì, dicono che ad un certo punto subentri la rassegnazione, ma il problema è aspettare che quel momento arrivi... non esiste un tempo certo e io, ad esempio, sono una che per metabolizzare le cose ci mette tanto. Lasciar andare, non mi viene facile, soprattutto quando tengo a qualcuno. E' che amo, amo incondizionatamente e non mi risparmio mai. Bisogna imparare, giorno dopo giorno, a fare a meno di qualcuno che per noi valeva. Che faceva parte del nostro quotidiano... qualcuno che era sempre lì, in pole position nei nostri pensieri. Quel qualcuno a cui volevi raccontare per primo le cose... a cui desideravi raccontare le cose più buffe o strane o quelle che ti straziavano il cuore. Non so perché accade. Non so perché ad un certo punto le cose si spezzano, si sciupano, si rompono... ma fa un male cane e l'assenza di risposte, forse, fa stare pure peggio. Ci si sente sospesi, e si spera... perché si sa, che la speranza è sempre l'ultima a morire. Io spero che vi siate parlati... che ci sia stato quantomeno lo spazio per un piccolo confronto. Ti abbraccio...

    RispondiElimina
  9. Per mia esperienza l’amicizia è una condizione complessa, un qualcosa che spesso non cerchiamo e che ci capita forte e indistruttibile come mai avremo potuto credere.
    Ma non è mai complessa come la vita... a volte le amicizie svaniscono non perché è l’altro sbagliato, ma perché tu ti senti sbagliato, a volte ci si allontana perché ci si era avvicinati troppo, a volte ci si perde perché si aggiungono altri, ma mai, mai ci si dimentica!
    E ti dirò di più, capita alle volte che dopo tanto tempo ci si rincontra e con bagagli diversi ci si confronta senza quella rabbia e quella delusione che oggi non permette di riavvicinarsi.
    Alla fine, in verità, un amico vero è meglio perderlo che non averlo mai incontrato! (Ciò non toglie che fa veramente soffrire!)

    RispondiElimina
  10. Non lo so.... ho sempre creduto che l'amicizia (ma anche l'amore) in realtà non hanno un termine. Facile che la vita ci faccia separare dalle persone care (escludo il caso morte.... dove tra le alter cose potrebbe entrar nel discorso la religion o qualsiasi cosa legata al post morte), ma questo non vuol dire che il sentimento cambi.... forse esser amici o amare una persona è proprio questo, volergli bene (amarlo/a) in modo incondizionato indifferentemente da ciò che accadrà (un po come per I figli e per gli animali domestici....).
    Boh.... spero di esser stato almeno chiaro.

    RispondiElimina
  11. Fa male, lo so. A volte sono stata io a rompere drasticamente, senza parole.ma tanto quando una cosa si rompe...che devi dire? Si rompe dentro te, intendo. A volte ho accompagnato la fine..decidendo per chi voleva avere ancora un filo di me..
    Fa male...lo so. Resta solo da accettare che sia così...avere uno sguardo sopra le parti e non giudicare ma osservare. Tanto lo dico sempre che molte volte il perché non si sa...ma lo si sente. Ti abbraccio fortissimo❤

    RispondiElimina
  12. la fine di un'amicizia con la A è una vera catastrofe con cui venire a patti, ché in fondo è una cosa contro natura, e che uno non mette in conto. le Amicizie son fatte per la vita, o dovrebbero.

    detto questo... cosa c'entra batman in tutto questo?

    RispondiElimina
  13. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  14. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  15. Io però se fossi nel tuo amico a leggere un post così...rifletterei seriamente se non sia il caso di rimettere insieme i pezzi e ripartire. Ho passato tre anni senza avere notizie della mia migliore amica. Poi un giorno un semplice messaggio e la consapevolezza immediata che nulla era cambiato, non la sostanza, il nucleo. Il resto era superabile.

    RispondiElimina

  16. Salve
    Siamo un gruppo finanziario privato. Concediamo il prestito da 2.000 € a 200.000 € al massimo e senza busta paga se sei un libero professionista, uno studente universitario,una casalinga o un disoccupato, con e senza garanzie alternative alla busta paga. Contattaci via e-mail per maggiori informazioni: ambrosinigisele@gmail.com

    RispondiElimina
  17. Patalice, ma quando torni?

    RispondiElimina

Posta un commento

Sappiate che vi leggerò.
Non sarò sempre d'accordo con voi, battibeccheremo come galline in un pollaio!
...ah, non chiedetemi di seguirvi, non lo faccio se non mi convincete davvero, sono una FOTTUTISSIMA SNOB!

Post popolari in questo blog

è stato un buon natale

perché io ho la fortuna di avere me

credo in questa vita, credo in me