Post

non più un ricordo lontano

Immagine
...la singletudine...

Che una a 33 anni,
un vestito bianco straordinariamente bello e costoso sepolto nell'armadio,
ed un mutuo che dilania il conto in banca,
pensa che la singletudine sia solo un ricordo lontano lontano.

E invece no.

La vita rivela il suo sorriso più ironico mentre siamo girati dall'altra parte,
cioè che tipo siamo impegnati nella routine e nella quotidianità,
e ad un tratto il rinculo colpisce laddove non ce lo aspettavamo...

Non in questo modo quanto meno.

Ma no,
non ci soffermiamo sulla triste mestizia della separazione e su tutte le sue nefandezze,
ma volgiamo invece lo sguardo sulle conseguenze,
che nolenti o volenti,
si sono verificate.

Singletudine.

Ebbene si.
Dopo 7 anni sono single.

Strano.
E' decisamente strano essere single.

MA
come mi ripetono tutti da un po'
arriverà il momento in cui non sarà più strano,
anzi sarà vagamente eccitante essere single...

...e forse il momento è ora...

E'estate,
fine estate.

Il dolore è scemato,
anzi si è…

a parte questo ho detto tutto

Immagine
Fare giardinaggio non è poi tanto male.
Anzi.
Strappare erbacce è terapeuticissimissimissimo...
E manovrare una cariola è divertente.
Parecchio.

Quando il mio ex marito se n'è andato,
da grandissimo infinitissimo bastardo,
alla chetichella mentre io ero ad un noiosissimo corso della sicurezza,
la Casa è rimasta la Casa.

Mia, sempre e comunque mia,
perché arredata con cose scelte sopratutto da me,
e con la volontà di rimanerci nonostante ci vivessi con lui...

E invece la Casa ha cominciato a diventare ostile,
antipatica, stretta, inospitale, a sua immagine e somiglianza...
e tutte le volte che ci entravo avevo voglia di uscire.

Per qualche mese ho trovato mille impegni,
ho detto mille e mille si a qualunque proposta,
e sono uscita con persone e persone e persone e persone,
pur di non rimanerci,
pur di svuggirci...

E' stato estenuante,
mortificante nella ricerca di un senso vacante,
ed ho pensato di andarmene,
di chiuderla nel passato,
cercando una nuova sistemazione,
la possib…

TAG la prima volta

Immagine
...ogni qual volta torno qui,
prometto di scrivere e raccontare di più.

Poi mi areno,
nel mezzo delle bozze e nell'harem dei pensieri...

Eh va beh,
per fare meno la sofista,
mi si sviluppa il solito casino nella testa,
del quale a tratti mi piacerebbe anche parlare,
ma è una menata che mi e vi risparmio volentieri.

Avevo voglia di scrivere,
e allora ho letto i miei blog prediletti per commentare qua e là,
ed inizio con Mozzino, io inizio sempre con Moz,
il quale propone un post di tag, che mi viene voglia di riproporre...

Prime volte.
E non si parla di imbarazzante eccesso di velocità o di imbranataggine nei movimenti,
e nemmeno di amore presunto che dura tutta la vita o poco meno,
qui si parla di fatti della vita...

Fatti miei riversati su di voi insomma,
che se volete commentare io leggerò,
che se volete riproporre va bene...

IL MIO PRIMO LIBRO
Non facile.
La SuperMamma ha reso me e Jn,
grosse lettrici, voraci e curiose, capaci di scorpacciate e di silenziose solitudini
piene di…

ti ricordi che male che fanno i ricordi?

Immagine
Li guardo tutti i giorni i ricordi che mi ricorda Facebook.

Sono quella cattivissima arma a doppio taglio che non vorresti nemmeno aprire, 
perché tu lo sai che ci sarà almeno una cosa che ti farà sentire come il primo ad uscire dal reality show di turno , 
ma non puoi fare a meno di guardare... e guardi!

Stai lì, 
crogiolandoti tra la piacevolezza di un pensiero un po’ sopito dal tempo, 
il rimpianto per una persona che non hai più nella tua vita, 
la malinconia per una persona che non sei più tu... 

Sono dolori discretamente dolorosi quelli che si porta appresso il passato, 
dolori che non si curano ne con lo shopping ne con l’alcol, 
ne con la somma di tutte le frasi motivazionali che traboccano dai social...

Dolore e passato, 
un connubio che conosce bene chiunque, 
un sodalizio tra la ragionevole consapevolezza del fatto di non poter cambiare ciò che fu,
e l'insensato desiderio di farlo...

E da quel binomio, 
dalle sensazioni che ci inducono a provare,
dalla certezza dell'incertezza vacan…

giudica e sarai giudicato

Immagine
Ho sempre giudicato poco.

...ma prima di plaudire al mio buon cuore,
o di giudicarmi santissssssima o saggisssssssima,
lasciatemi spiegare:

non mi esimio dal giudicare,
perché temo l'altrui giudizio,
di quello ho imparato a fare senza;
non evito di farlo nemmeno alla luce
di chissà quale investitura di saggezza profonda,
io non so nulla più di tanti che puntano il dito.

Io non giudico
perché a me il giudizio mi fa schifo.

Io non giudico
perché della vita degli altri non so nulla.

Io non giudico
perché nelle altrui esistenze non si riflettono i miei occhi.

Sono una brava ad ascoltare,
sono una che da ottimi consigli,
sono una che si interessa sinceramente dei problemi altrui.

Ma non giudico.

Do la mia opinione,
sviscero questioni,
pongo domande,
do anche le mie risposte.

Ma non giudico.

Negli ultimi 6 mesi,
sono stata messa di fronte a talmente tante situazioni,
potenzialmente giudicabili,
che non farlo avrebbe potuto essere accettabile,
mi sarebbe stato facilmente e benignamente …

il post che ho scritto venerdì...

Immagine
Oggi dalla parrucchiera.

Fuori il clima non sa che fare.
Piove e c’è il sole.
Fa caldo ed è umido.

Io comunque sono rossa.
Ed i capelli sono più lunghi.
E mi faccio mille selfie.
Che Retrica è fantastica, ma non sempre uso i filtri, e quando non li uso mi sento più vecchia, ma anche più io.

Ho 33 anni da poco.
2 giorni, per l’esattezza.

Mi donano.
I numeri dispari mi piacciono di più, il 3 è il mio preferito, ed ora ne ho due.

È stato un compleanno bello.
Bello come sono belle le cose inattese.
Con messaggi, telefonate, abbracci, e gesti.
E regali.
Dio come mi piacciono i regali.

Mi meritavo un bel compleanno, ed ho avuto uno strepitoso compleanno.
Che io sono una ragazza fortunata.
E lo dico con la consapevolezza che, la gioia, quando mi vede, se la scappa a gambe levate.
Ma sono fortunata, perché sono amata.
Tanto.
Amore.
La parola più bella, abusata, incompresa e sospirata di sempre.
Io amo.
Io sono amata.

Una mia amica importante,
l’ho vista a pranzo una settimana fa.
Tra uno gnocco super chic, e del salmone…

cuore in tempesta

Immagine
Sono stata a pranzare in centro,
seduta su un tavolino in piazza Duomo,
con Rudel che elemosinava pezzetti di toast,
ed io che mi lasciavo incantare dal tempo lento.

Mio.
E lento.
Lento e mio.

E' un binomio del quale molti hanno paura,
questo prendersi una pausa dal quotidiano
per regalarsi momenti di eccezionale,
e dedicare un attimo solo a noi stessi.

Quasi fosse una colpa voler stare con noi stessi.
Quasi fosse sbagliato voler non fare niente.
Quasi fosse da condannare il perderci dentro la nostra stessa vita.

Perderci dentro la nostra stessa vita...
Prenderci quella pausa per guardare quanto sta bene il cielo abbinato agli occhi,
Regalarsi quel momento per  ricordarsi che il silenzio ha un suono.
Dedicarsi quell'attimo per stare in pace.

...che la tempesta è qualcosa di meraviglioso,
potentissimo, indicibile, trascinante,...

Ed io l'amo.
Amo quel senso di precarietà che sai prescindere da tutto...
Amo quel vento che spettina e quel petto sconquassato...
Amo l'esse…